skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Vincitori 2008


    
    
    

PRIMO PREMIO

"The Students Without Boundaries"

Il programma "Students Without Boundaries" si svolge annualmente ed è rivolto a 135 studenti di Slovacchia, Romania, Ucraina e Serbia che partecipano a laboratori di leadership. Il programma promuove lo scambio di esperienze tra studenti in merito a temi quali le opportunità di istruzione in Europa, l'allargamento dell'UE e i fondi comuni. Durante le due settimane del campo, condividono anche il proprio patrimonio culturale. Una volta terminato il programma, tornano a casa e proseguono online a scambiarsi l'esperienza e a costruire la comunità.
Il campo estivo organizza un laboratorio sui diritti umani e seminari di storia, sviluppando un senso comune dell'identità e dell'integrazione europee.
I partecipanti vengono scelti sulla base dei saggi presentati che ogni anno sono incentrati su temi diversi, ad esempio "Anno europeo del dialogo interculturale 2008". Gli studenti hanno l'opportunità di illustrare i propri lavori nell'ambito dei laboratori, avviando un confronto su argomenti di attualità. La procedura di selezione è affidata a rappresentanti di 5 paesi.
L'obiettivo dell'UE inteso a sviluppare una comunità senza frontiera concorda con le finalità del programma "Studenti senza frontiere": rappresentanti della giovane generazione dei paesi dell'UE, dei paesi candidati e dei paesi potenziali candidati mettono in pratica il vivere come una comunità europea nell'Europa multiculturale. Il campo funge quindi da forum per educare ai valori europei, quale la comprensione culturale, etnica e religiosa tra giovani leader.
Il programma "Studenti senza frontiere" serve da modello per la cooperazione europea, in quanto promuove l'integrazione europea: al termine del programma estivo, i ragazzi tornano a casa e inseriscono le proprie comunità locali nel programma.
Gli ex partecipanti, ossia 1 500 studenti di 5 paesi, formano oggi una comunità chiamata Rákóczi Family, che offre pratici esempi di vita europea condotta insieme come una comunità che si propone anche come comunità online, forum per la creazione di posti di lavoro, domanda collettiva di finanziamento, progetti nel campo dell'istruzione e aspetti giuridici.

 

SECONDO PREMIO

"London Festival of Europe"

Il London Festival of Europe è un appuntamento annuale articolato in due settimane di conferenze pubbliche, dibattiti ed eventi artistici in alcune delle sedi più prestigiose di Londra. Promuove l'impegno di questioni europee tra i giovani e altri soggetti, e celebra le culture in Europa. Collabora con una ricca gamma di partner, tra cui la London School of Economics, la TATE modern, il Chelsea College of Art and Design, il Federal Trust, opendemocracy.net, cafebabel.com, l'Institut Français e l'Istituto culturale romeno.
Ai 10 eventi della prima edizione, svoltasi nel marzo 2007 per festeggiare il 50° anniversario del trattato di Roma, hanno partecipato oltre 1 500 persone, di cui 250 al dibattito chiave sui valori dell'Europa il giorno esatto dell'anniversario, ossia il 25 marzo.
La manifestazione è stata ideata da Lorenzo Marsili e Niccolo Milanese, e il gruppo del festival è costituito da 11 giovani volontari che rappresentano 9 diversi paesi europei e lavorano mossi dallo spirito del dovere civico e dell'avventura. Ségolène Pruvot è diventata una responsabile del gruppo. Il gruppo del festival opera durante l'anno in diverse sedi e attraverso vari mezzi di comunicazione, perché si sposta di frequente all'interno dell'Europa. Il festival promuove attivamente le relazioni con società studentesche nel Regno Unito e all'estero e favorisce iniziative proposte da altri giovani.
Sostiene la promozione delle diversità e similitudini culturali ed è impegnato a sviluppare un profondo senso di un'identità comune europea. Il festival è diventato un appuntamento annuale nel calendario culturale londinese: il London Festival of Europe 2008 ha un programma ancora più ricco e si svolgerà a marzo.

 

TERZO PREMIO

La prima scuola media di Byronas (Atene)

Già da 30 anni (dal 1979) e prima della piena adesione del nostro paese alla CEE, la prima scuola media di Byronas si sforza di informare e di sviluppare nei nostri studenti il senso dell'identità europea. Pertanto, prima del 1981 in via sperimentale, poi con maggiore entusiasmo dopo aver aderito alla CEE e successivamente al 1989 in modo più sistematico, siamo giunti al 1996, anno in cui abbiamo lanciato attività che promuovono la reciproca comprensione, sviluppano l'identità europea e offrono vivaci esempi di come gli europei vivano assieme come una comunità.
Attraverso tutte queste attività abbiamo in qualche modo introdotto nella nostra scuola una nuova materia collegata all'Unione europea, un elemento che il ministero per l'Istruzione non ancora inserito. Quest'anno in particolare:
i) abbiamo già instaurato contatti con la scuola Gimnazium Nr10 di Rzeszow (Polonia);
ii) ci stiamo organizzando per l'evento in programma a marzo dal titolo "La primavera d'Europa" il cui contenuto è "Dialogo multiculturale";
iii) stiamo predisponendo il soggiorno di 22 studenti dell'istituto olandese Emmaus College di Rotterdam che per la quarta volta consecutiva abbiamo invitato per festeggiare insieme agli studenti olandesi la Giornata europea il 9 maggio (4-11 maggio).

Grazie a tutte le nostre attività e all'enorme impegno siamo riusciti a diffondere lo spirito dell'Unione europea ad alcune migliaia di studenti, non solo in momenti difficili (come all'inizio degli anni '80), ma anche negli ultimi anni, un'epoca in cui non si parla a sufficienza dell'Unione europea. Diamo vita a tutto questo, in quanto crediamo che il modo più adeguato per sensibilizzare le persone nei confronti dell'Unione europea sia attraverso l'istruzione. Abbiamo sempre in mente le parole di Jacques Delors: "Dobbiamo imparare a conoscere, dobbiamo imparare ad agire, dobbiamo imparare a coesistere... dobbiamo imparare a esistere".

 .