skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Vincitori 2009

PRIMO PREMIO

´´YOUrope needs YOU!´´ AEGEE Cracovia

"YOUrope needs YOU!" è stato ideato e progettato da membri del forum studentesco europeo AEGEE. Il suo scopo è consentire agli studenti delle scuole superiori di tutta Europa di diventare membri attivi della società. Durante i seminari approfondiremo la loro comprensione delle tematiche europee, presenteremo le opportunità offerte dall'Europa e incoraggeremo i giovani a cogliere tali opportunità usando metodi di istruzione non formale. Il progetto è stato creato da un gruppo internazionale durante l'European School 2, un corso avanzato di formazione incentrato sullo sviluppo di progetti a livello europeo. Da una ricerca condotta dai promotori è emerso che a scuola l'Europa viene spesso presentata come qualcosa di artificiale, circoscritta a ristretti confini storici e geografici. Il fatto che non vengano applicati metodi di insegnamento interattivi e non formali aggrava la mancanza di interesse verso l'Europa, le tematiche e i valori europei tra gli studenti delle scuole superiori. Per cambiare questa situazione, YOUrope needs YOU! si rivolge a studenti universitari che vogliono condividere le loro conoscenze tenendo seminari nelle scuole e si propone di prepararli a diventare formatori. I primi corsi di formazione si sono tenuti in Germania e nei Paesi Bassi e altri tre si svolgeranno in Polonia, Spagna e Turchia. Dotati di un opuscolo creato dal gruppo responsabile del progetto che sintetizza fatti rilevanti su Europa e Unione europea, multiculturalità, identità e valori europei che è opportuno conoscere e contiene anche orientamenti per organizzare un seminario; infatti i partecipanti, formati da esperti in tali campi, terranno seminari nelle scuole. Nel dicembre 2008 si è svolto a Gostyn, in Polonia, il primo seminario nelle scuole superiori. L'Europa e le sue possibilità sono state presentate ad alunni polacchi e a 30 studenti francesi partecipanti a uno scambio scolastico. I ragazzi hanno manifestato grande interesse per l'argomento e i metodi usati e hanno accolto con favore il cambiamento del loro programma scolastico. Attualmente il gruppo che si occupa del progetto è costituito da membri di 7 nazionalità diverse che lavorano insieme su base volontaria, fra cui membri di paesi dell'Unione europea e di paesi terzi, e sono desiderosi di condividere la loro visione di una società attiva e tollerante con studenti delle scuole superiori.

 

SECONDO PREMIO

"Festival Européen de Théâtre Universitaire d'Albi" Acthéa

Acthéa è un festival europeo del teatro universitario e delle arti di strada. Acthéa è una settimana di fuochi d'artificio culturali: teatro internazionale, concerti di diversi stili, arti di strada. Forte dell'esperienza acquisita nei suoi 10 anni di vita, il festival si è sviluppato e ha preso forma nel corso degli anni e il suo successo di oggi è la prova della sua riuscita: Acthéa è diventato il più grande evento culturale di Albi organizzato da studenti. La manifestazione si svolge nell'arco di una settimana nel mese di aprile. Ogni sera il pubblico ha la possibilità di assistere al teatro di Albi a due opere interpretate con passione da giovani universitari di talento provenienti da tutta l'Europa. L'intera settimana è ricca di attività, tra cui una giornata dedicata ai bambini per far scoprire loro l'Europa e le sue culture attraverso la musica e le arti di strada.

Il gruppo Acthéa è nato presso la scuola mineraria di Albi-Carmaux Mathieu, creata 6 anni prima, grazie all'iniziativa di Mathieu Lauras, all'epoca studente dell'istituto. Oggi è un'associazione studentesca senza scopo di lucro, con sede presso il Bureau Des Elèves della scuola mineraria di Albi ed è formata da una trentina di allievi, provenienti dai vari indirizzi offerti dalla scuola. Gli studenti di ingegneria scelgono di partecipare come volontari nel loro tempo libero affinché questo evento sia coronato da successo: l'esperienza acquisita nelle dieci edizioni precedenti è un validissimo aiuto.

Acthéa, un'apertura culturale per tutti. Durante la settimana si esibiscono più di cento attori europei contribuendo a vivacizzare la città e a sviluppare il festival. Obiettivo principale del festival è aprire al grande pubblico le porte del mondo dello spettacolo, al fine di favorire uno scambio fra artisti europei e pubblico francese. È per questo motivo che abbiamo fissato un prezzo simbolico d'entrata di 1 euro per serata, mentre l'accesso ai concerti è gratuito. Per i più appassionati, è stata stabilita una tariffa speciale di 3 euro per l'intera settimana. Ogni compagnia studentesca ha l'occasione di esibirsi sulla scena nella propria lingua e di fare condividere la sua passione per il teatro. I giochi di scena, le intonazioni, la gestualità e la mimica sono elementi chiave di un attore per farsi comprendere da un pubblico straniero.
L'edizione 2009 sarà improntata più che mai a una dimensione internazionale: nel teatro comunale di Albi si esibiranno diverse compagnie studentesche francesi e straniere. Quest'anno concorreranno otto compagnie. Potremo vedere, in particolare, per la prima volta le rappresentazioni di una compagnia serba e di una compagnia russa. Ritroveremo anche, e per la terza volta, una compagnia composta da giovani adulti disabili, i Papillons Blancs, ossia le "Farfalle bianche". Anche questa volta Acthéa 2009 può essere sintetizzata in alcune cifre: - 18 680 euro di bilancio, 8 compagnie di teatro francesi e straniere in concorso fra loro, 100 attori, ogni sera presenza a teatro di un pubblico di oltre 200 persone, 1 000 manifesti e 8 000 volantini, fino a 200 persone per i concerti.

 

TERZO PREMIO

"Oberkannte Unterlippe" Die Diplomaten in Gummistiefeln

"Oberkante Unterlippe" (Fin qui) è un titolo costruito su un gioco di parole attribuito a progetto di apprendimento pratico basato sulla ricerca e rivolto all'ambiente in cui giovani di Paesi Bassi, Polonia e Ungheria insieme ai loro ospiti di Soest sono impegnati su un tema di dimensione politica globale. Nel linguaggio corrente "Oberkante Unterlippe" indica che la misura è colma o che questa è la goccia che fa traboccare il vaso, riferendosi al crescente pericolo di inondazioni e alluvioni proprio nelle aree densamente popolate dell'Europa centrale, in cui si presume che il progresso industriale abbia portato al controllo dei corsi d'acqua. "Oberkante Unterlippe" è tuttavia al tempo stesso la denominazione di uno specifico studio regionale di pianificazione relativo al tratto inferiore del fiume Lippe, un affluente del Reno.

Il progetto affronta la sfida politica della protezione dalle inondazioni quale sfida democratica delle autorità locali e quale compito che travalica i confini territoriali. Le alluvioni dell'estate del 2007 ci hanno ancora una volta messo di fronte al fatto che la protezione dalle inondazioni deve essere una misura urgente, affinché durante i periodi di maltempo coloro che vivono in prossimità dei fiumi non siano perennemente vittime dell'ansia di alluvioni. Poiché l'uomo è il principale responsabile del cambiamento climatico ed è quindi collegato al fenomeno delle inondazioni, è nostro dovere trovare soluzioni volte a eliminare questo problema. Siccome non consideriamo la questione delle inondazioni un fenomeno di carattere solo locale, abbiamo informato i giovani delle nostre città gemellate Strzelce Opolskie (Polonia), Sárospatak (Ungheria) e Kampen (Paesi Bassi) in merito ai risultati delle ricerche condotte relativamente al fiume Lippe e li abbiamo invitati ad affrontare concretamente con noi il tema in loco, perché la protezione della natura e dell'ambiente non conoscono frontiere: occorre analizzare i problemi in un'ottica transnazionale e sviluppare misure di conseguenza. Questi giovani hanno quindi svolto indagini comparabili riguardo alla situazione delle inondazioni nei loro paesi, vale a dire sul fiume Oder nei pressi di Strzelce Opolskie, sul Bodrog a Sárospatak e sullo Ijssel a Kampen, che abbiamo potuto utilizzare come analisi di riferimento per la nostra ricerca comune sui tratti delle marcite del Lippe che sono stati ripristinati al loro stato naturale.
Nell'autunno 2007 ci siamo incontrati, al pari di un gruppo di lavoro internazionale, sulle rive del Lippe e abbiamo condotto in collaborazione studi ecologici e biologici sul campo. "Esistono risposte locali a problemi globali?": questo l'interrogativo con cui abbiamo espresso l'idea principale del progetto, cui si collega l'attività in loco con compiti sociali di dimensione globale. Miriamo non solo a dimostrare che le conseguenze della globalizzazione si ripercuotono sempre anche a livello locale e interessano i singoli individui, ma anche che si devono individuare soprattutto percorsi ai fini di un impegno democratico della società civile. Quello cui tendiamo non è la rassegnazione dinanzi a una globalizzazione cui apparentemente non si riesce a tener testa, ma l'incoraggiamento a partecipare e a impegnarsi attivamente: questi sono gli obiettivi del nostro progetto. La minaccia delle inondazioni vissuta dalle comunità sedi delle scuole partecipanti ha inoltre fornito un aspetto comune che unisce tali collettività nell'ambito dell'area tematica affrontata dallo studio creando più che un semplice partenariato tra scuole. Dopo le rispettive presentazioni delle ricerche ecologiche condotte a livello di zone abbiamo dedicato una decina di giorni alle marcite del Lippe, esaminando i risultati visibili del progetto svolto sul posto con l'obiettivo di riportare le aree al loro stato naturale. Abbiamo quindi formato alcuni sottogruppi con membri di varie nazionalità che si sono occupati più nel dettaglio di singoli ambiti tematici quali l'analisi delle acque e le ricerche riguardo a flora e fauna, ricorrendo anche a lavori grafici e rappresentazioni teatrali per illustrare la situazione e l'ambiente. Le relazioni di biologia sono state accompagnate dall'elaborazione e dalla presentazione creativa dei risultati, basata sull'uso dei media. Dai risultati delle ricerche emerge che il processo di rinaturazione del Lippe è riuscito e che la flora e la fauna naturali di recente inserimento influiscono in modo positivo sulla situazione delle piccole e medie inondazioni. Mostrano tuttavia anche le ripercussioni del riscaldamento globale sui bioindicatori della regione del Lippe. Al termine del progetto abbiamo organizzato una discussione di esperti con responsabili politici e partecipanti al progetto. Abbiamo infine trasmesso una copia dei risultati pratici e un elenco di richieste di interventi programmatici ed ecologici rivolte a tutti i parlamenti e ministri competenti dei paesi interessati. Grazie all'eurodeputato Peter Liese, intervenuto al confronto, è stato possibile informare anche il Parlamento europeo e il commissario dell'UE competente. Il progetto ha ottenuto un elevato riconoscimento degli esperti ricevendo il premio per l'ambiente del Land della Renania settentrionale-Westfalia, assegnato nell'ambito della competizione "Jugend forscht" (La gioventù fa ricerche), dove alcuni dei nostri partecipanti hanno presentato il progetto. Al momento stiamo preparando la continuazione del progetto: nell'autunno 2009 organizzeremo nei Paesi Bassi una manifestazione dal titolo (di lavoro) "Auswirkungen des Klimawandels am Beispiel der Niederlande" (Effetti del cambiamento climatico nei Paesi Bassi) sotto la guida dei nostri amici olandesi. Parteciperanno giovani di 5 nazioni (NL, PL, H, S e D). Si tratta del nostro 15° progetto europeo comune.

 .